INVECCHIAMENTO ATTIVO E LA SOLIDARIETA’ TRA LE GENERAZIONI

Corso di formazione marzo – aprile 2012

 

Il 2012 è stato dichiarato dall’Unione europea l’anno dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra le generazioni. In questo modo i responsabili delle politiche intendono raccogliere una raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che vede nella vita “attiva” una strategia per invecchiare in salute.

E’ una dichiarazione importante perché per la prima volta si associa l’invecchiamento alla vita attiva,  lasciando in disparte la malattia e i rischi di perdere l’autonomia.

Un invecchiamento quindi come fase relativamente ampia della vita da riempire di progetti e di interessi.

Non si tratta di affermazioni scontate, perchè sopravvivono ancora alcuni stereotipi, che descrivono l’invecchiamento come un momento triste e di solitudine. E il modello culturale nel quale viviamo tende più che altro ad enfatizzare tutto ciò che è giovane, negando e mascherando il più possibile tutto ciò che è vecchio.

Il vero obiettivo contenuto nella dichiarazione dell’Unione europea è che si può invecchiare, cioè vivere a lungo, senza “diventare vecchi”.

Per poter vivere in tale prospettiva occorre però conoscere quali sono i rischi presenti nel percorso, per poterli evitare e per adottare uno stile di vita soddisfacente anche nelle condizioni soggettive e oggettive che si manifestano.

In che misura e come questo desiderio può essere soddisfatto?

Che peso hanno le scelte individuali che ciascuno compie e le condizioni culturali, ambientali e socio-economiche che permettono di effettuare concretamente tali scelte?

Il corso costituisce un’occasione per riflettere sull’argomento sotto i diversi punti di vista.

 

L’Associazione Progetto Formazione Continua rispondere all’invito dell’Unione europea e infatti propone agli associati e a quanti partecipano alle attività formative un corso su questi temi, articolato su cinque lezioni, convinti che imparare ad invecchiare sia una strategia per vivere a lungo e bene.

 

Programma

 

Venerdì 16 marzo 2012,  ore 16 – Aula E Palazzo Bo (Università)

Invecchiare nella società contemporanea

Dott. Marcello Barison, Università di Padova

 

Venerdì 23 marzo, ore 16 – Teatro Ruzante, Riviera Tito Livio 45

Invecchiare nelle culture orientali

Dott. Marcello Ghilardi, Università di Padova

 

Venerdì 30 marzo 2012, ore 16 – Aula E Palazzo Bo (Università)

L’invecchiamento del corpo: i rischi e le modalità per affrontarli

Dott. Alberto Cester, ULSS 13, Mirano

 

Venerdì 13 aprile, ore 16 – Teatro Ruzante, Riviera Tito Livio 45

L’invecchiamento della mente: i rischi e i criteri per affrontarli

Prof. Rossana De Beni, Università di Padova

 

Venerdì 20 marzo, ore 16 – Teatro Ruzante, Riviera Tito Livio 45

Imparare ad invecchiare: sfida senza senso o obiettivo perseguibile

Prof. Sergio Tramma, Università di Milano

 

ATTENZIONE:

le lezioni dei giorni 16 e 30 marzo si svolgeranno presso l’aula E del Bo;

quelle del 23 marzo, 13 e 20 aprile presso il teatro Ruzante